VIETNAM, NUOVE OPPORTUNITA’
778
post-template-default,single,single-post,postid-778,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

VIETNAM, NUOVE OPPORTUNITA’

Gli ultimi dati danno un quadro decisamente positivo e indicano il Vietnam come uno dei paesi emergenti in più rapida crescita. Oltre alla crescita economica, in fase costante intorno al 6,5% annuo, altri dati mettono in evidenza fattori positivi, come l’aumento della domanda interna con oltre 93 milioni di consumatori, dei quali 33 milioni classe media, tasso di alfabetizzazione al 95%, oltre 100.000 scienziati e ingegneri all’anno, la significativa percentuale di popolazione sotto i 30 anni. Anche all’interno dell’Associazione ASEAN, il Vietnam, a differenza di altri paesi aderenti, si è distinto per i diversi accordi commerciali e di libero scambio con altre realtà dell’Asia Pacific.

Nei giorni scorsi ho avuto modo di partecipare ad un incontro con una delegazione vietnamita, organizzato dalla Camera di Commercio Italia-Vietnam e dall’Ambasciata Vietnamita. Focus dell’incontro, le nuove opportunità di questo paese, con particolare attenzione sul progetto Binh Duong Smart Region.

La regione di Binh Duong, situata 40 Km a Nord di Ho Chi Minh City, con la quale ne condivide le infrastrutture logistiche (Aeroporto Tan San Nhat a 30 Km, Porto di Cat Lai a 40 Km), vede lo sviluppo di Binh Duong New City, un’area metropolitana totalmente in linea con gli standard internazionali, moderna e ecosostenibile. Al suo interno, parchi industriali, aree residenziali, servizi, sanità, istruzione, Università Internazionali, ricerca e innovazione, centri commerciali e impianti ricreativi.

Proprio in questa realtà il governo vietnamita sta spingendo l’investimento straniero. Ad oggi sono intervenuti già oltre 550 investitori provenienti da 35 paesi, con un capitale di oltre 10 miliardi di dollari. Non mancano gli incentivi, come esenzioni tasse per periodi definiti e successive agevolazioni, assistenza continua, diverse soluzioni di affitto uffici e infrastrutture.

La domanda di questo paese non è solo rivolta al prodotto, bensì anche al know how. Sono stati messi infatti in evidenza alcuni settori richiesti, come il farmaceutico, industria del packaging, lavorazione pelle e cuoio , non ultimo, il food & beverage. Un capitolo a parte meritano ricerca e innovazione, che vedono lo sviluppo di un polo dedicato.

Antonio Baiano
info@antoniobaiano.it