Singapore punta al vino di qualità
661
post-template-default,single,single-post,postid-661,single-format-standard,bridge-core-2.1.1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-19.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

Singapore punta al vino di qualità

Le ultime analisi riguardo il mercato del vino nella Repubblica di Singapore evidenziano un notevole aumento nel consumo di vino di qualità; un fattore fondamentale che contribuirà a far raggiungere a questo mercato il valore di 1,4 miliardi di dollari entro il 2021. In particolare un incremento del 5,2% nel periodo 2019/2021 per i vini di qualità e del 5,1% per gli sparkling (fonte GlobalData). Oggi l’Italia è il terzo esportatore di vino dopo Australia e Francia.

I fattori fondamentali: buono stato di salute dell’economia di uno dei più importanti centri finanziari al mondo e reddito medio in crescita, forte potere d’acquisto e molta attenzione al vino di qualità.

Ma se parliamo di Singapore, non parliamo solo di mercato locale: Singapore è un hub commerciale e logistico strategico per raggiungere i mercati del Sud Est Asiatico. Qui gli importatori e distributori “rilanciano” su gran parte dell’area Asean.

Antonio Baiano
info@antoniobaiano.it