MISSIONE IN BAHRAIN
810
post-template-default,single,single-post,postid-810,single-format-standard,bridge-core-2.2.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-21.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

MISSIONE IN BAHRAIN

Un missione in Bahrain per il nostro Made in Italy. Sono particolarmente felice di affrontare questa nuova avventura. Incontri con importatori, distributori, potenziali partner per le nostre imprese, con l’obiettivo di allacciare saldi e duraturi rapporti.

Di dimensioni contenute, composto da 33 isole e collegato con un lungo ponte all’Arabia Saudita, il Bahrain si propone oggi come un mercato particolarmente interessante, non solo preso singolarmente, ma anche come gateway per l’area del Golfo. Dal 2004 il Bahrein è anche sede del Gran Premio di Formula 1 che si svolge nel Circuito “Sakhir” di Manama (nome ufficiale Bahrain International Circuit), costruito a 25 km a sud della capitale Manama.

Il nostro export verso questo paese continua ad essere trainato da macchinari, impianti, materiali da costruzione, mezzi di trasporto, moda e agroalimentare. In questi ultimi due comparti, in particolare, si evidenziano il settore scarpe e accessori luxury e il sensibile aumento della domanda nel settore HoReCa.

Particolare attenzione deve essere posta alle interessanti iniziative di apertura agli investimenti stranieri. L’Economic Development Board (EDB) del Bahrain – l’agenzia che promuove gli investimenti nel Regno del Bahrain – ha annunciato che sarà garantito un processo fast-track alle imprese e startup italiane, che permetterà loro di insediarsi velocemente nel Paese e di usufruire di tutti i benefit dell’ecosistema bahrainita, il quale vanta costi operativi inferiori anche del 50% rispetto ai paesi limitrofi.

Il fast-track, offerto gratuitamente alle aziende italiane, prevede un servizio dedicato che include un processo di inserimento rapido nell’ecosistema e che contempla gli adempimenti per richiedere la residenza, il visto, la registrazione dell’azienda. Per le startup italiane, il supporto da parte degli incubatori e degli acceleratori del Bahrain, nonché l’accesso al loro network e ai programmi che permettono alle imprese italiane di stringere relazioni utili alla loro crescita ed espansione.

Antonio Baiano
info@antoniobaiano.it